Radioterapia

   

Radioterapia

 

 

È un tipo di terapia oncologica locale basato sull’ utilizzo di radiazioni ad alta energia (raggi X, alfa, beta, gamma) in grado di distruggere le cellule tumorali. Le radiazioni danneggiano il DNA, impedendo alla cellula di replicarsi e causandone la morte.

 La terapia è diretta specialmente contro le cellule tumorali perché si replicano più attivamente. Anche alcune cellule normali possono però essere uccise, soprattutto quelle a elevata velocità di replicazione. La radiazione può provenire dall’esterno del corpo, per esempio da elettroni accelerati in appositi macchinari, oppure da materiali radioattivi collocati direttamente all’interno del tumore.

La radioterapia è generalmente utilizzata, anche in associazione alla chemioterapia, per ridurre la dimensione di un tumore prima della chirurgia o per distruggere eventuali cellule tumorali rimaste dopo un intervento chirurgico. Solo in alcuni casi di tumori localizzati è impiegata come trattamento principale.

Come per molte altre neoplasie, anche nel carcinoma della mammella la radioterapia gioca un ruolo fondamentale, grazie ai grandi  progressi della scienza e della tecnologia compiuti negli ultimi 20 anni. 

Lo scopo principale della radioterapia sulla mammella è quello della sterilizzazione di quei  microscopici focolai tumorali eventualmente presenti nella ghiandola mammaria residua, che possono essere sede di localizzazioni neoplastiche occulte sub-cliniche; tutto ciò al fine di ridurre le recidive locoregionali di malattia, ossia le riprese tumorali nella sede di intervento e nei distretti viciniori. 

Il tasso di recidive intra-mammarie è di solito inferiore al 10% nelle pazienti sottoposte a irradiazione, contro il  20-40% di quelle non sottoposte a tale trattamento.

 

INDICAZIONI al trattamento radioterapico della mammella

Radioterapia dopo chirurgia conservativa: E’ l’indicazione elettiva, nel trattamento complementare dopo quadrantectomia. I risultati consolidati di numerosi studi eseguiti hanno confermato l’importanza della Radioterapia sulla mammella residua nel controllo locale della malattia.

Radioterapia nel trattamento delle recidive locoregionali: Generalmente noduli tumorali cutanei e sottocutanei della mammella o della parete toracica, sequele di un pregresso carcinoma mammario

Radioterapia nel trattamento della malattia metastatica: A scopo palliativo, per il controllo del dolore, nella malattia metastatica dell’osso e dell’encefalo.

Radioterapia dopo mastectomia: Unicamente nei casi di carcinoma localmente avanzato con evidente rischio di ricaduta cutanea o sottocutanea,

Radioterapia esclusiva: In pochi casi selezionati

 

COME SI SVOLGE il trattamento radioterapico

Le sedute, con trattamento ambulatoriale,  hanno inizio generalmente qualche settimana dopo l’intervento chirurgico e si concludono nell’arco di 30-40 giorni, ogni giorno per cinque giorni alla settimana

Vengono impiegate radiazioni ionizzanti ad alta energia (generalmente fotoni gamma – telecobaltoterapia – o fotoni X), indirizzate con precisione verso la parte malata, al fine di distruggere le cellule tumorali e di risparmiare il più possibile i tessuti sani circostanti. Allo scopo di ridurre gli effetti collaterali della terapia radiante, la dose totale di radiazioni viene normalmente suddivisa in dosi piu’ basse o ‘frazioni’ che costituiscono nell’insieme il ciclo completo di trattamento.

Ad una prima visita di impostazione terapeutica, in cui si svolge l’inquadramento clinico della paziente, segue la localizzazione del volume bersaglio mediante simulazione con apparecchio TAC, per ottenere informazioni sull’anatomia del paziente e sulla sede ed estensione del tumore. Si passa poi all’elaborazione del piano di cura computerizzato, che viene verificato sulla paziente, e si giunge infine all’inizio della vera e propria radioterapia.  

Durante la procedura, che durerà solo qualche minuto ed è assolutamente indolore, la paziente dovrà rimanere immobile sul lettino dell’apparecchiatura, fino a che la sessione di trattamento non sarà terminata.

L’accertamento del volume-bersaglio, dei campi di irradiazione, della dose e della sua distribuzione nel tempo sono momenti critici sia per quanto riguarda l’efficacia del trattamento in termini di distruzione tumorale e quindi di guarigione, sia per l’eventuale insorgenza di effetti collaterali e di sequele.

  

EFFETTI COLLATERALI della radioterapia

La radioterapia della mammella può causare a volte effetti collaterali quali arrossamento e ‘trasudazione’ della cute , nausea e spossatezza. Questi sintomi comunque tenderanno a scomparire gradualmente una volta concluso il ciclo di trattamento; talvolta la sensazione di spossatezza può persistere per qualche mese.

L’effetto secondario più importante, sempre transitorio, è costituito dalla dermatite da raggi (la zona interessata apparirà rossa e dolente come una scottatura; talvolta si associa prurito) che può insorgere dopo 3-4 settimane di trattamento sia sulla mammella residua, in caso di intervento chirurgico conservativo, che sulla parete toracica, in caso di mastectomia totale. Sarà opportuno applicare in questi casi opportune misure profilattiche, quali evitare esposizioni al sole o lampade, evitare detergenti aggressivi, evitare profumi alcolici, evitare indumenti stretti.

Dopo un intervento di quadrantectomia o di resezione segmentaria, la radioterapia potrebbe far sembrare la mammella più soda, per effetto dell’accumulo di liquidi nel tessuto sottocutaneo e nella cute.

Gli esiti tardivi del trattamento radiante sulla mammella sono rappresentati essenzialmente da una iperpigmentazione cutanea associata talvolta a teleangectasie in alcune zone: ciò significa che l’irradiazione può anche lasciare piccole macchie rosse sulla cute, dovute alla rottura di qualche capillare. Per molte donne, tuttavia, l’aspetto estetico della mammella è soddisfacente.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...