Hanno detto di noi …

              Gazzetta di Parma – 29.08.2011

              Quartieri-Frazioni

 

 

 

 

 

Andos, festa della solidarietà

Parma Centro

Parlare di tumori si può. E approfittare di una serata in compagnia per informare sulla prevenzione è il modo giusto per farlo. Un appuntamento che mescola beneficenza, spettacolo, arte e solidarietà animerà il quartiere Parma Centro. Al circolo ricreativo culturale Indomita, grande festa, domani, a favore dell’associazione Andos di Parma. Il momento di incontro, che si terrà negli spazi di via Toscana 8, a partire dalle 21, sarà l’occasione utile a presentare alla città l’Associazione nazionale donne operate al seno, la onlus che si pone l’obiettivo di offrire alle donne operate al seno un’ assistenza specifica, ampia ed attenta, volta ad aiutarle a superare i molti traumi legati a questa patologia. Domani sera è previsto anche l’intervento di alcuni specialisti, che forniranno informazioni sulla diagnosi precoce del tumore al seno: Marzio Montanari, medico chirurgo, e Cecilia Zanacca, volontaria di Andos Parma, saranno a disposizione del pubblico per domande e chiarimenti.
A seguire, durante la serata benefica, andrà in scena lo spettacolo «L’uomo e il fiume», un recital di ormai comprovato successo che vedrà sul palco Valerio Cavalli.  Spazio poi anche all’arte e alla cultura: al termine della serata, infatti, verranno estratti a sorte tra i partecipanti alcuni fortunati che potranno portarsi a casa due tele donate per l’occasione dal maestro Vittorio Ferrarini e un’opera messa a disposizione da Bruno Casana. Al circolo arci Indomita sarà inoltre possibile acquistare in prevendita i biglietti della lotteria. Il ricavato della serata sarà interamente devoluto all’Andos di Parma per l’acquisto di un apparecchio ecografico idoneo alla diagnosi precoce del tumore al seno. «Una serata che ci vede in prima linea» hanno detto i membri del circolo di via Toscana, presieduto da Giorgio Cavalca.M.P.

 

 

L’ Alimentazione come “farmaco”.

Le proprietà curative del cibo

 
 
Gazzetta di Parma – 16.11.2010 – Salute-Fitness
 
Curarsi mangiando. L’alimentazione come scudo contro le malattie sarà il tema al centro dei 15 incontri che Andos Parma (Associazione Donne Operate al Seno), insieme al  Comune – che patrocina l’iniziativa – e alla Provincia, promuoverà a partire da giovedì 18 novembre.  Incontri che saranno dedicati alla conoscenza delle proprietà curative del cibo, visto come vera e propria cura parallela da associare alla terapia medica.
«Curarsi – ha dichiarato l’assessore, Cristina Sassi – non vuole solo dire escludere ciò che fa male, ma può voler dire includere gli alimenti che possono aiutare il nostro organismo a riprendersi in un momento di grande difficoltà». Il progetto, ideato dall’associazione romana SpesAlfa (Scienza Prevenzione Educazione alla Salute attraverso l’alimentazione), la cui responsabile, Anna D’Eugenio, presenzierà a tutti gli incontri, ha scelto Parma come unica città del nord Italia ad ospitarlo.
«Non tutti sanno che i cibi hanno un potere farmacologico che può correggere le malattie – ha spiegato Carla Pezzani, rappresentante dell’associazione – per cui tutti gli alimenti diventano un vero e proprio sostegno durante le terapie, soprattutto durante quelle invasive, come la chemio».
Tutti gli incontri, gratuiti, si terranno alle 20.30 nella sede Avis di San Pancrazio, ad eccezione di quattro, che invece si svolgeranno alla domenica nel ristorante «Apriti Sesamo» di via Monte Corno (laterale di via Trento) dove si terranno dei laboratori culinari a cui seguirà una cena. «Conoscere le diverse proprietà curative degli alimenti – ha spiegato Cecilia Zanacca, vicepresidente Andos Parma – che magari ignoriamo nel corso normale della vita, risulta particolarmente importante  nel momento della malattia, quando il corpo è particolarmente debilitato».
«Siamo lieti di ospitare questo progetto nella nostra sede – ha concluso il presidente provinciale di Avis Parma, Giuseppe Scaltriti, presente con il presidente di Avis San Pancrazio, Salvatore Di Iorio – perché oltre a promuovere il dono del sangue, Avis evidenzia in primo luogo la salute e il cibo è sicuramente uno strumento essenziale per mantenere gli esami corretti».
 

Eventi.Parma

Curarsi con l’alimentazione

Quindici incontri organizzati da Andos, Comune e Provincia per diffondere la cultura alimentare, dal 18 novembre 2010 al 12 giugno 2011 a Parma e San Pancrazio

 

Diffondere la cultura alimentare e la consapevolezza di quanto sia importante una giusta alimentazione, non solo come veicolo di buona salute a ogni età, ma soprattutto come strumento di prevenzione e cura di molte malattie. Questo lo scopo del progetto che A.N.D.O.S. Parma (Associazione Nazionale Donne Operate al Seno), con il patrocinio del Comune (che ha partecipato all’organizzazione) e della Provincia di Parma, presenta nella nostra città con un ciclo di incontri dedicati alla scoperta delle proprietà curative dei cibi per la prevenzione e la cura di malattie, tra cui il tumore al seno. Il progetto, ideato e diffuso dall’associazione romana SpesAlfa (Scienza Prevenzione Educazione alla Salute attraverso l’alimentazione) prevede quindici incontri gratuiti e aperti a tutti, in programma a Parma – prima città in tutto il nord Italia a ospitare il progetto – dal 18 novembre 2010 al 12 giugno 2011. Durante questi appuntamenti la responsabile del progetto SpesAlfa Anna D’Eugenio, affiancata da medici e esperti dell’associazione, affronterà con i partecipanti tematiche sempre diverse legate alle proprietà curative del cibo, lasciando ampio spazio al dialogo e alle domande. Gli incontri si terranno in orario serale nella sede Avis di San Pancrazio, in via Mori, ad eccezione di quattro incontri pomeridiani, che saranno ospitati la domenica nel ristorante Apriti Sesamo di via Monte Corno (laterale via Trento) a Parma, durante i quali sono previsti dei veri e propri laboratori di cucina e cena a seguire.

Alla realizzazione dell’iniziativa di A.N.D.O.S. hanno collaborato l’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Parma, le associazioni Avis e Komen Italia (associazione per la lotta ai tumori del seno) e il ristorante bioenergetico Apriti Sesamo.

 
 
 

All’Andos di Parma e Fidenza il ricavato di

“Un pomeriggio monumentale”

        Gazzetta di Parma – 19.05.2011  È stato consegnato oggi  in Provincia il ricavato dello spettacolo “Un pomeriggio monumentale”, che si è tenuto a Roccabianca il 13 marzo scorso. L’appuntamento, pensato per festeggiare le donne e l’Unità d’Italia, è stato organizzato all’Arena del Sole dall’Associazione Verdissime.com e dal Comune di Roccabianca, con il patrocinio della Provincia.
Questo pomeriggio nella sala Savani dell’Ente di piazza della Pace si è svolta la cerimonia di consegna della somma, pari a 3mila euro, che è stata destinata per metà a favore dell’Andos (Associazione nazionale donne operate al seno) di Parma e per metà dell’Andos di Fidenza. A consegnare gli assegni alle rappresentanti delle due associazioni sono state l’assessore provinciale alle Pari opportunità Marcella Saccani e la presidente delle Verdissime.com Luciana Dallari. “Ringrazio le Verdissime che, oltre a impegnarsi per promuovere la cultura musicale anche tra i più giovani, organizzano importanti iniziative di solidarietà, come lo spettacolo di Roccabianca  – ha detto l’assessore Marcella Saccani –. Iniziative che aiutano a vincere la battaglia più importante, quella per la salute e, in questo caso, la salute delle donne”. 
“Anche quest’anno abbiamo deciso di devolvere il ricavato all’Andos, proprio perché come donne vogliamo fare qualcosa per le donne. Spero che questi soldi servano per la ricerca e quindi siano di aiuto a tutti  – ha spiegato la presidente delle Verdissime.com Luciana Dallari, che ha aggiunto: “Dobbiamo ringraziare Mario Scaltriti, che ha deciso di integrare il ricavato dello spettacolo con una generosa offerta, e anche il Comune di Roccabianca che ha da subito creduto in noi. Comune con cui continueremo a collaborare per realizzare diverse iniziative che ci porteranno verso il bicentenario verdiano del 2013”.
“Le Verdissime sono sempre state delle importanti sostenitrici dell’Andos. Una collaborazione iniziata quasi per caso e che si consolida ogni anno sempre di più”, ha affermato la vicepresidente dell’Andos di Parma Cecilia Zanacca. “Ringrazio le Verdissime per questo contributo, su cui speriamo di poter contare anche in futuro”, ha aggiunto Sandra Rimelli volontaria dell’Andos di Fidenza.

L’associazione Verdissime.com si è costituita nel giugno 2008 a Busseto ed è formata da 35 donne che hanno assunto i nomi dei personaggi femminili delle Opere di Giuseppe Verdi. Il sodalizio vuole essere un punto di riferimento nel settore della solidarietà, attraverso l’organizzazione di spettacoli benefici ispirati a Verdi e alla sua produzione artistica, ma anche svolgere una funzione di sensibilizzazione del mondo scolastico e giovanile alla musica in generale e ai luoghi dove visse il Maestro

 

 

Andos, la diagnosi precoce con un cd

Il ricavato sarà devoluto per l’acquisto di un

apparecchio ecografico.

 
     
 
Parmadily – 15.12.2010
 
 
Anche la musica scende in campo per sostenere la battaglia di Andos. Giovedì 16 dicembre, alle 21, presso il circolo “Parma lirica” di via Gorizia, presentazione del cd “L’uomo e il fiume”, tratto dal recital di Valerio Cavalli con i musicisti Stefano Nidi e Massimo Armani, il cui ricavato della vendita sarà devoluto all’Associazione nazionale donne operate al seno per l’acquisto di un apparecchio ecografico per la diagnosi precoce del tumore al seno.
Attiva dal 2007, Andos Parma onlus per quest’iniziativa benefica si avvale del patrocinio del Comune di Parma con cui da tempo è stato instaurato un rapporto di collaborazione reciproca e fattiva: esempio ne sono le recenti visite di controllo di cui hanno potuto beneficiare le dipendenti dell’Amministrazione.
L’Andos, oltre a quello del capoluogo, opera nel Ducato anche con un secondo comitato, con sede a Fidenza e operativo da una decina d’anni con sezioni a San Secondo, Fontanellato e Castell’Arquato.
Fondata a Trieste nel 1976 da un’intuizione del professor Pietro Pietri, scomparso nel 2002, l’associazione, senza alcun fine di lucro, si è posta fin dal principio una mission, ovvero l’assistenza specifica post-intervento per tutte le donne che hanno sofferto di traumi legati a questa particolare patologia.
E’ l’unico organismo di volontariato che per la visita senologica oltre all’esame medico affianca anche l’ecografia, quella che viene definita la “terza mano” del chirurgo in quanto permette di esser ancora più attendibili nel responso.
Relativamente alla diagnosi precoce, invece, va rilevato come aumenti la probabilità di guarigione definitiva fino al 90% dei casi e soprattutto permette quasi sempre di evitare il ricorso alla chemioterapia post-operatoria o altre terapie particolari di tipo invalidante.
E’ possibile prenotare una visita gratuita allo 0521/981954; la quota associativa, invece, è di 15 euro l’anno.
DICHIARAZIONI
Dichiarazione di Cecilia Zanacca, presidente di Andos Parma onlus: “Agire preventivamente, o comunque nella fase iniziale della malattia, è assolutamente fondamentale e uno strumento come l’apparecchio ecografico in questo è a dir poco insostituibile. Si raccomanda sempre di sottoporsi ad esami nell’età in cui il male può insorgere con maggior frequenza, cioè tra i 45 e i 74 anni ma già dai 20, 25 anni la donna può ritenersi potenzialmente un soggetto a rischio”.
Dichiarazione di Lorenzo Lasagna, assessore al Welfare: “Per noi come Amministrazione Comunale è importante sostenere questa associazione per sensibilizzare anche le donne più giovani non solo verso i corretti stili di vita che possano aiutare a prevenire la malattia, ma anche verso la diagnosi precoce e quindi l’importanza di effettuare visite regolari: un aspetto fondamentale per riuscire a intervenire tempestivamente sul problema”.
Dichiarazione di Cristina Sassi, assessore all’Ambiente: “Come amministratrice ma soprattutto come donna apprezzo molto questa iniziativa che può portare la cittadinanza ad avvicinarsi e a conoscere un’organizzazione come quella di Andos in modo positivo, superando quella dimensione psicologica di paura e sofferenza che in parte, naturalmente, ogni associazione sanitaria porta con sé”.
 

Alimentarsi in maniera sana per prevenire

il tumore al seno

   

Venerdì 20 febbraio alle 18 , conferenza di Franco Berrino, all’Auditorium Banca Monte – Via Bruno Longhi 9, a Parma.

 Prevenire il tumore al seno si può: l’introduzione di sane abitudini alimentari è efficace. Lo dimostrano rigorosi studi scientifici, che avvallano la teoria di Franco Berrino, direttore del dipartimento di Medicina preventiva dell’Istituto Tumori di Milano.  L’oncologo di fama internazionale, originario di Fornovo Taro, sarà a Parma venerdì 20 febbraio, per tenere la conferenza “Alimentazione nella prevenzione del tumore al seno” in programma alle 18 preso l’Auditorium di Banca Monte, in via Bruno Longhi 9. Al termine della conferenza è in programma una cena al ristorante bioenergetico “Apriti Sesamo”, in via Monte Corno 4. Necessaria prenotazione al numero  339.1938853.  L’iniziativa aperta al pubblico è promossa da Andos Parma, Associazione Nazionale Donne Operate al Seno, in collaborazione con il Registro Tumori di Parma e con il patrocinio dell’Azienda Ospedaliero-universitaria cittadina.  ANDOS, attiva a Parma dal 2007, porta in Italia l’esperienza del “Reach to Recovery” americano, ovvero il sostegno alle donne operate di tumore al seno nel superamento del trauma fisico e psicologico conseguente alla malattia. Nella sede di via Emilia Ovest 18 è attivo uno sportello di accoglienza, un ambulatorio fisioterapico per il trattamento del dolore e del gonfiore del braccio nelle donne operate, un ambulatorio medico per visite e medicazioni. Le volontarie dell’associazione promuovono la cultura della diagnosi precoce e diffondono informazioni sui centri di cura che utilizzano strumenti e protocolli all’avanguardia. Contribuiscono inoltre all’organizzazione di eventi informativi, per i medici e in generale per la cittadinanza.
 

 

Congresso ANDOS PARMA onlus:

” COMUNICAZIONE CON IL MALATO ONCOLOGICO:

 Testimonianze. Opinioni a confronto “

Sabato 22 novembre 2008 – Centro Congressi Cavagnari

 

Lea Pericoli testimonial di ANDOS PARMA onlus

L’ex campionessa di tennis partecipa al convegno promosso dall’associazione Andos Parma, Associazione Nazionale Donne Operate al Seno, promuove nella mattinata di sabato 22 novembre, a partire dalle 9, il convegno “Comunicazione con il malato oncologico”. L’incontro si terrà all’auditorium di Cariparma, in via La Spezia 138.
All’evento partecipa in qualità di testimonial l’ex campionessa di tennis Lea Pericoli, che interviene raccontando la sua esperienza personale.Il convegno, condotto da medici specialisti, psicologi e psichiatri, affronta il tema dell’integrazione e del coinvolgimento di professionalità con ruoli differenti, nella presa in carico del paziente oncologico. Sono previsti interventi alternati di pazienti, ex pazienti e professionisti della sanità.

Anche il pubblico potrà rivolgere domande e le donne potranno raccontare la loro personale esperienza.
Al centro del dibattito c’è il tema della comunicazione tra medico e paziente in oncologia: la difficoltà a riferire con chiarezza i dubbi e le certezze della diagnosi e l’approccio, a volte sbagliato perché deleterio per il paziente. Il punto d’arrivo ideale è un mix di franchezza e incoraggiamento, indispensabile per sostenere la speranza.
Nella comunicazione sono coinvolti medici e pazienti, individui estranei  l’uno all’altro che devono improvvisamente confrontarsi attraverso il mezzo della parola su argomenti vitali ed emotivamente molto gravosi per entrambi.

ANDOS, attiva a Parma dal 2007, porta in Italia l’esperienza del “Reach to Recovery” americano, ovvero il sostegno alle donne operate di tumore al seno nel superamento del trauma fisico e psicologico conseguente alla malattia.
Nella sede di via Emilia Ovest 18 è attivo uno sportello di accoglienza, un ambulatorio fisioterapico per il trattamento del dolore e del gonfiore del braccio nelle donne operate, un ambulatorio medico per visite e medicazioni. Le volontarie dell’associazione promuovono la cultura della diagnosi precoce e diffondono informazioni sui centri di cura che utilizzano strumenti e protocolli all’avanguardia. Contribuiscono inoltre all’organizzazione di eventi informativi, per i medici e in generale per la cittadini

PROGRAMMA  

Ore 9.00          Saluto delle Autorità

Ore 9.30          Presentazione – Tiberio d’Aloia – Presidente Ordine dei Medici di Parma

Ore 10.00        Introduzione. Esperienza personale – Marzio Montanari – Chirurgo Parma

Ore 10.30        Presentazione casistica di interviste a donne operate al seno – Bruno Fontanesi – Psichiatra Parma

Ore 11.00        Testimonianze di donne operate al seno

Ore 11.45        Tavola rotonda con esperti, medici di famiglia, volontari

                           Luciana Murru – Psicologa Istituto Tumori Milano

                          Giuliana Missino – Responsabile U.O. Psicologia USL 4 PRATO

                         Andrea Ardizzoni – Direttore Oncologia medica Az. Osp. Parma

                         Tiberio d’Aloia – Presidente Ordine dei Medici di Parma

                         Giuseppe Montagna – Medico di Medicina Generale Parma

                         Salvatore Napoletano

                         Vincenzo De Lisi – Oncologo Città di Parma

                         Psicologa Oncologia

Ore 13.00        Conclusioni e compilazione questionario ECM

 

Tumore al seno,

incontro per la prevenzione e diagnosi precoce

a Parma

 
03-12-2011
 
Il tumore al seno, incontro per la prevenzione e la diagnosi precoce
Si tiene domani, venerdì 4 dicembre, alle 18 presso l’Auditorium di Banca Monte Parma (via Bruno Longhi, 9) l’incontro con Gemma Martino, oncologa e direttore scientifico del Centro Metis riguardo “Prevenzione e diagnosi precoce del tumore del seno: filosofia e stili di vita”.L’incontro è stato organizzato da A.N.D.O.S. Parma onlus (Associazione Nazionale Donne Operate al Seno) in collaborazione con LILT (Lega Italiana Lotta Tumori) e Noi Consumatori Parma, con il patrocinio del Comune di Parma, Banca Monte, Provincia di Parma, Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Parma e Regione Emilia Romagna.Partecipano Luigi Giuseppe Villani per la Regione Emilia Romagna, il delegato del Comune di Parma per le politiche della Salute Fabrizio Pallini, e l’assessore provinciale alle Politiche sociali Marcella Saccani.
Cos’è A.N.D.O.S. Parma Onlus:La sezione autonoma di ANDOS Parma Onlus (organizzazione non lucrativa di utilità sociale) è nata nell’estate 2007 e si inserisce in una delle più importanti realtà nazionali che si battono per assicurare il massimo in termini di eccellenza delle cure e qualità della vita alle donne ammalate di tumore del seno.ANDOS annovera trai suoi consulenti / volontari giovani medici e specialisti di grande esperienza, alcuni dei quali hanno avuto la possibilità di perfezionarsi all’estero anche grazie ai finanziamenti dati da questa associazione.L’associazione è costituita, oltre che da familiari e amici, quotidianamente a contatto con le donne ammalate, anche da volontarie che hanno vissuto in prima persona l’esperienza della malattia e dell’intervento chirurgico: presenze preziose per l’aiuto nei confronti delle donne ammalate, di cui conoscono i bisogni e le sofferenze e dalle quali sono riconosciute come interlocutore privilegiato.
Cosa fa ANDOS Parma Onlus:ANDOS offre visite per la prevenzione, complete di esame ecografico, controlli periodici e consulenze chirurgiche, oncologiche, fisioterapiche e psicologiche.Tutto questo in un ambito di adeguata formazione professionale degli operatori anche per quanto riguarda la comunicazione e la relazione umana con le pazienti ed i loro familiari.La donna ammalata o già guarita deve infatti essere adeguatamente sostenuta sul piano psicologico e riabilitativo nelle varie fasi della malattia: presso le sedi dell’associazione operano gratuitamente psicologhe, fisioterapiste e volontarie per incontri e ginnastica postoperatoria. A.N.D.O.S. infine organizza incontri divulgativi per la popolazione con esperti che sottolineino l’importanza di sottoporsi periodicamente a visite, ecografie e mammografie: per diffondere la cultura della prevenzione e della diagnosi precoce che rimane lo strumento più efficace per sconfiggere la malattia.
 

 

L’importante sostegno delle volontarie di Andos

Gazzetta di Parma – 09.12.2010

Colpisce una donna su dieci e costituisce il 25% di tutti i tumori che interessano il sesso femminile. Quello al seno è il tumore più frequente tra le donne, ma nonostante il quale è possibile tornare alla vita di prima. «Noi lavoriamo proprio per fare in modo che la vita torni a essere quella di prima della malattia» spiega Cecilia Zanacca, vicepresidente di Andos  Parma, l’Associazione nazionale donne operate al seno -. E’ importante capire che quella del tumore al seno è una patologia che non deve fare di chi la subisce un invalido civile a vita». Presente anche a Parma dal 2007, Andos fornisce alle donne colpite da questa malattia un sostegno concreto, in quello che è uno dei momenti più delicati della vita di una donna e della sua famiglia, grazie all’aiuto di medici qualificati e di volontarie, molte delle quali hanno vissuto in prima persona l’esperienza della malattia. «Nel 2008 abbiamo registrato 10 visite, ma oggi il numero è salito a circa 40 a settimana, a volte di più – continua Cecilia Zanacca -. Noi non ci occupiamo però solo del percorso operatorio e postoperatorio: tra i nostri obiettivi c’è infatti anche quello di sensibilizzare alla fondamentale importanza della diagnosi precoce, grazie alla quale è possibile rendere meno invasiva un’eventuale operazione e meno invalidanti le cure successive». E non solo: visite senologiche gratuite, complete di esame ecografico, assistenza alla donna nelle varie fasi della malattia, trattamento fisioterapico del dolore al braccio delle donne operate, attraverso una ginnastica mirata, e consulenze chirurgiche, oncologiche, fisioterapiche e psicologiche.

 

 

Tumori al seno, Andos e la prevenzione

 
 
Gazzetta di reggio Emilia – 06.05.2011
 
CANOSSA. Oggi alle 18.30 nel centro culturale Ducato di Vedriano alla Villa Baroni, presentazione del gruppo Andos Canossa (Associazione nazionale donne operate al seno) con la partecipazione della vice-presidente Cecilia Zanacca (Andos Parma) e del team di medici volontari che sostengono le iniziative dell’associazione.  Seguirá una cena per la quale è necessario prenotare al 348 9000236.  Il monitoraggio fatto in questi ultimi anni dal Registro Tumori nazionale ha evidenziato che il cancro del seno colpisce una donna su 10 e costituisce circa il 25% dei tumori che interessano il genere femminile. Quindi è importante che arrivi il messaggio: «E’ possibile guarire e tornare a condurre una vita normale». Andos lavora proprio per fare capire alle donne che questa è una patologia che, se diagnosticata in fase iniziale, non compromette la completa guarigione e neppure la qualitá della vita. Consci della fondamentale importanza di diagnosticare tale patologia nella fase più iniziale possibile, Andos ha intrapreso un’importante campagna di sensibilizzazione alla diagnosi precoce del tumore del seno.  La sezione di Canossa effettuerá, a partire da lunedì 9 maggio, nella sede della Croce rossa italiana di piazza Matilde di Canossa, visite senologiche gratuite, complete di esame ecografico.
 

AL FIANCO DELLE DONNE

 

E’ nato il gruppo “Andos” a Canossa,

stasera si presenta alla cittadinanza

CANOSSA-Stasera alle 21 presso il Teatro comunale di Canossa ci sarà la presentazione del gruppo “Andos Parma”  (Associazione Nazionale Donne Operate al Seno), con la partecipazione della vice-presidente Cecilia Zanacca del gruppo Andos Parma e del team di medici volontari che sostengono le iniziative dell’associazione appena nata nel nostro territorio. Sarà l’occasione per presentare le modalità di svolgimento del servizio di consulenza senologica che si svolgerà una volta al mese presso la sede della Croce Rossa di Canossa in piazza Matilde di Canossa, a partire da lunedì 9 maggio alle 9 per tutta la mattinata e giovedì 12 dalle 18 alle 19. A Canossa il gruppo Andos Parma si propone di portare avanti un programma di supporto psicologico di due tipi: grazie alla collaborazione di psicologi professionisti volontari e grazie alle volontarie del gruppo. Il supporto del gruppo a chi attraversa il problema significa non lasciare sola la donna, non abbandonarla e offrirsi per l’adempimento di tante piccole commissioni. Supporto psicologico significa dunque sostegno professionale ma anche supporto morale, vicinanza, accompagnamento.

 

 

 
 
 
 
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...