Fecondazione: Farmaci per fertilita non aumentano rischio tumori femminili

Monaco di Baviera, 30 giu. (AdnKronos Salute) – Una buona notizia per le donne ricorse alla fecondazione assistita per realizzare il desiderio di avere un figlio. I farmaci per la fertilita’ non aumentano il rischio di tumori del seno o delle ovaie, temuta conseguenza dei trattamenti ormonali utilizzati per la stimolazione ovarica. E’ la “rassicurante” conclusione di uno studio americano presentato al Congresso Eshre 2014 (Societa’ europea di riproduzione umana ed embriologia), in corso a Monaco di Baviera.

La ricerca, in parte finanziata dai National Institutes of Health e condotta dall’Universita’ dell’Illinois a Chicago e dall’Us National Cancer Institute, ha analizzato piu’ di 12 mila donne trattate per infertilita’ fra il 1965 e il 1988 in 5 centri americani. Dopo 30 anni in 9.892 pazienti e’ stata verificata l’eventuale insorgenza di tumori: sono stati identificati 749 casi di cancro al seno, 119 all’endometrio, 85 alle ovaie. Secondo gli autori dello studio, i farmaci utilizzati per aumentare le chance di concepimento e gravidanza non sono associati a un aumento del rischio di questi tumori femminili. In particolare, le gonadotropine, i piu’ utilizzati attualmente per la stimolazione ovarica, non risultano favorire l’insorgenza del cancro, come si temeva, fatta eccezione per un piccolo gruppo di donne che pero’ non ha avuto figli dopo il trattamento.

I farmaci per la fertilita’ aumentano i livelli degli ormoni femminili, estradiolo e progesterone, entrambi implicati nella genesi del tumore del seno, dell’ovaio e dell’utero. Da qui “la plasubilita’ biologica – spiega Humberto Scoccia dell’Universita’ dell’Illinois, uno dei coordinatori della ricerca – del legame fra questi trattamenti e il rischio di neoplasia. Ma nonostante questa plausibilita’, i risultati ottenuti non supportano un legame significativo fra utilizzo dei farmaci per la fertilita’ e tumori femminili. Il quadro che emerge e’ piuttosto variegato, con alcune sostanze che mostrano un qualche aumento del rischio, altre che lo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...