Come riconoscere i linfonodi al seno infiammati e quali test medici fare

Quando ci ritroviamo con i linfonodi ascellari, quelli che si trovano proprio al lato del seno, ingrossati, il che testimonia un processo infiammatorio in corso, tendiamo subito ad allarmarci e a pensare al peggio, ovvero ad un cancro della mammella. In realtà, non dobbiamo subito fasciarci la testa perché le cause che portano i nostri linfonodi ad infiammarsi, sono diverse, e nella maggior parte dei casi benigne e transitorie.
Un rischio in cui facilmente si incorre quando si effettua l’autopalpazione del seno e si percepiscono delle “palline” sottopelle, è quella di scambiare noduli per linfonodi, e viceversa, ecco perché è importante sapere come possiamo riconoscerli e a quali esami diagnostici dobbiamo sottoporci. Vediamo di approfondire questo argomento così delicato che interessa tutte le donne.
Intanto, va definito il cruciale ruolo dei linfonodi, anche definiti linfoghiandole, nel nostro corpo. Essi si trovano nei punti in cui i nostri canali linfatici si incontrano – i principali “snodi” sono collo, inguine e ascelle – e rappresentano delle sorta di “stazioni” della linfa che scorre nel nostro corpo e che è composta da tutte quelle sostanza che si devono eliminare o metabolizzare, tra cui i grassi e i liquidi in eccesso. Ma il sistema linfatico ha anche il compito, fondamentale, di produrre gli anticorpi necessari a combattere eventuali agenti patogeni che ci abbiamo infettato. Per questo motivo, ogniqualvolta nel nostro corpo ci sia un’infezione, un processo infiammatorio manifesto o occulto, i linfonodi si ingrossano.
Questo vale anche, naturalmente, per i linfonodi ascellari, tuttavia difficilmente queste ghiandoline, pur infiammate, si possono vedere ad occhio nudo e percepire sotto la pelle, perché la zona in cui si trovano li nasconde più di quanto non accada per quelle dell’inguine o del collo. In ogni caso, una caratteristica dei linfonodi infiammati, che si vedano o meno, è il fatto di farsi “sentire”, di diventare dolenti. Quindi, nel caso dei linfonodi ascellari che si congiungono al seno, si percepirà il fastidio e anche la sensazione di qualcosa che “tira”. Ora, quali possono essere le cause?
Una delle spiegazioni possibili è che si sia subito un trauma, una ferita, uno strappo, un’infezione di qualunque tipo a carico della mano e del braccio. Quando l’ingrossamento dei linfonodi è di natura benigna, non dura mai molto, in genere nel giro di 2 settimane le linfoghiandole ritornano alle dimensioni normali, per questo c’è piuttosto di preoccuparsi se l’infiammazione persiste o se si percepisce un aumento progressivo di volume, ma soprattutto se la zona intorno appare calda e arrossata, in associazione ad una condizione di prostrazione fisica e di febbre alta. In questi casi potrebbe esserci una forte infezione in corso da indagare subito.
Veniamo alla possibilità che i linfonodi ingrossati siano spia di un tumore. In questo caso le ghiandole si infiammano come risposta alla proliferazione delle cellule cancerose che gli anticorpi riconoscono come nocive (ad esempio quando sta cominciando a svilupparsi un carcinoma della mammella), oppure, più avanti, perché esse stesse vengono invase dalle cellule tumorali. Ma oltre al tumore al seno, esistono anche i linfomi (Hodgkin e non Hodgkin), in cui è proprio il linfonodo la sede primaria della neoplasia.
Come possiamo stabilire la natura dell’infiammazione dei linfonodi del seno? Da soli non siamo in grado di farlo, dobbiamo necessariamente sottoporci ad una visita senologica e poi, se il medico avesse dei dubbi sulla causa dell’ingrossamento, degli esami medici specifici come la biopsia. Essa consiste nell’aspirazione di tessuto linfonodale attraverso una siringa sottile, che si effettua con un piccolo intervento ambulatoriale. Il tessuto viene poi analizzato in laboratorio. E’ molto importante non sottovalutare sintomi come il senso di gonfiore e di dolore che si percepiscono a livello di ascelle e di seno, quindi anche per ogni piccolo dubbio, sempre meglio recarsi dal proprio medico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...