Nuovo promettente farmaco contro il Tumore del Seno

Un ulteriore passo avanti è stato fatto verso la cura dei tumori, questa volta quelli più aggressivi, metastatici, del seno.

Il nuovo farmaco è il risultato della combinazione di un anticorpo ( trastuzumab ) e una citotossina (emtansine), la cui peculiarità consiste nel riuscire a riconoscere le cellule tumorali in maniera selettiva (grazie all’anticorpo) e rilasciare al suo interno il chemioterapico, capace di distruggerla. I promettenti risultati ottenuti dallo studio EMILIA sono stati presentati il 3 giugno al Congresso della Società Americana di Oncologia Clinica (Asco).
T-DM1, questo il nome della combinazione dei due, nei test condotti su 1000 donne che presentavano un tumore di tipo HER-2, fra i più pericolosi, ha ridotto del 35% il rischio di progressione della malattia o morte, rispetto le pazienti che hanno ricevuto il trattamento con l’anticorpo (lapatinib) più il chemioterapico (capecitabine) somministrati separatamente.

 Da un’analisi intermedia dello studio risulta che Il nuovo farmaco, messo a punto dell’azienda americana Genentech, parte del gruppo farmaceutico Roche, ha aumentato la sopravvivenza assoluta di 3,2 mesi rispetto il gruppo di controllo a due anni dall’inizio della sperimentazione. I risultati al momento mostrano un andamento positivo che dovrà essere confermato con la fine dello studio. Ma l’aspetto rivoluzionario sottolineato dagli oncologi è il nuovo meccanismo d’azione del farmaco, che apre la strada verso una nuova classe di antitumorali. T-DM1 riesce a riconoscere e inibire l’attività di HER2, proteina coinvolta nella proliferazione del tumore, e rilasciare il chemioterapico direttamente dentro le cellule tumorali che sovra esprimono HER-2.
Altro aspetto promettente è che Il farmaco si è rivelato meno tossico, causando meno effetti collaterali ed evitando la perdita dei capelli.
I risultati di efficacia, sicurezza e minor tossicità ottenuti da questo studio sono incoraggianti e noi crediamo che T-DM1 possa avere un ruolo rilevante nella cura del tumore a seno metastatico HER-2 positivo” ha spiegato Hal Barron, responsabile dello sviluppo del farmaco Genentech “stiamo lavorando perché i dati vengano esaminati il più in fretta possibile dalla FDA in modo che T-DM1 sia disponibile a breve per i pazienti con questo tipo di tumore”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...