Cancro al seno, bloccare l’enzima LOXL2 potrebbe fermarlo

 

 

 

Gli scienziati di un centro britannico di ricerca sul cancro sono riusciti a isolare un enzima che, una volta bloccato, impedirebbe al cancro al seno di diffondersi ad altre zone del corpo.

In quello che potrebbe essere un importante passo avanti, ricercatori presso l’Istituto di ricerca sul cancro hanno dichiarato di aver individuato un modo per bloccare l’enzima LOXL2, che aveva già dimostrato di poter fermare la diffusione del cancro in topi di laboratorio.

I loro risultati, pubblicati sulla rivista Cancer Research, sono stati giudicati come “ad alta probabilità” di poter avere applicazioni nel trattamento del cancro metastatico negli esseri umani, che, secondo quanto riportato dalla BBC, ha quasi il 90 per cento di probabilità di divenire mortale quando si espande da un organo ad un altro.

La dott.ssa Janine Erier, che ha guidato il team di ricerca, ha detto che i risultati hanno mostrato che “inibendo l’azione di LOXL2 si può ridurre significativamente la diffusione del cancro al seno, suggerendo che i farmaci che bloccano questo enzima potrebbero essere efficaci nella prevenzione della diffusione del cancro.”

LOXL2 promuove la diffusione del cancro attraverso il modo in cui esso controlla due particolari proteine, TIMP1 e MMP9. Studi precedenti avevano dimostrato che queste due proteine hanno un ruolo anche nel modo in cui altri tipi di cancro, nel colon e dell’esofago, si diffondono.

Il presente studio ha dimostrato che bloccare la diffusione di LOXL2 ha anche diminuito la capacità del cancro di diffondersi in polmoni, fegato e ossa attraverso le metastasi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...